Reteaffitto, servizi professionali per la locazione.

Piazza A. Dante 23/B - 18100 Imperia

Reset Avvia ricerca

News Reteaffitto

22/05/2014

CASA: PROPRIETARI E INQUILINI CONCORDANO RIPARTIZIONE SPESE

CASA: PROPRIETARI E INQUILINI 
CONCORDANO RIPARTIZIONE SPESE 
 
La ripartizione fra proprietario e inquilino nella Tabella Confedilizia-Sunia-Sicet-Uniat 
 
Le organizzazioni della proprietà e dell’inquilinato hanno concordato la Tabella che 
definisce la ripartizione delle spese per oneri accessori fra locatore e conduttore e che potrà essere 
richiamata nei contratti di locazione. Al termine d’incontri di lavoro, CONFEDILIZIA, per la 
proprietà, e SUNIA-SICET-UNIAT, per l’inquilinato, hanno sottoscritto il documento, illustrato in 
una conferenza stampa congiunta. 
Per il presidente della CONFEDILIZIA, Corrado Sforza Fogliani, “le numerose voci 
comprese nelle varie sezioni (ascensore, autoclave, impianti di svariato tipo, parti comuni, parti 
interne, portierato, pulizia) tengono conto di novità tecniche negli ultimi anni sempre più diffuse, 
come gli impianti di videosorveglianza e l’impiantistica centralizzata di flussi informativi.” Il 
principio seguito consiste ”in una rigorosa delimitazione degli àmbiti di spesa”, a proposito della 
quale la CONFEDILIZIA cita come esempio l’antincendio: al proprietario spettano l’installazione e 
la sostituzione dell’impianto, oltre che gli acquisti degli estintori, mentre manutenzione ordinaria, 
ricarica degli estintori, ispezioni e collaudi fanno carico all’inquilino. “Una specifica norma di 
chiusura”, nota Sforza Fogliani, “rinvia, per le voci non previste, alle norme di legge e agli usi 
locali.” 
A giudizio di Daniele Barbieri, segretario generale del SUNIA, “nella particolare fase 
economica di notevole difficoltà per le famiglie, che si traduce in notevoli sofferenze anche nei 
pagamenti delle spese condominiali, serve una rinnovata attenzione, anche alla luce della riforma 
del condominio, alla trasparenza, alla regolare rendicontazione, alla documentazione giustificativa e 
alla possibilità di verifica e visura della stessa, da parte degli inquilini, anche con l’assistenza delle 
organizzazioni di rappresentanza. Su tutto questo - ha rilevato il segretario del SUNIA - riveste 
notevole importanza la partecipazione all’assemblea condominiale degli inquilini sui servizi a loro 
attribuiti”. 
Per Guido Piran, segretario generale del SICET, “l’accordo raggiunto è importante per la 
possibile e auspicata riduzione del contenzioso tra inquilini e proprietari, attraverso una maggiore 
chiarezza e certezza nell’indicazione dei rispettivi oneri. Sono convinto” ha aggiunto l’esponente 
del SICET “che l’intesa potrà inoltre contribuire a un virtuoso e sistematico contenimento dei costi 
e dei consumi condominiali e più in generale dell’abitare, oggi estremamente necessario, attraverso 
l’utilizzo della concorrenza tra i gestori dei servizi e la rinegoziazione dei contratti e delle tariffe”. 
Augusto Pascucci, presidente dell’UNIAT UIL, ha rilevato: “Auspichiamo continuità 
all’accordo, costituendo una commissione paritetica nazionale con compiti di pareri, chiarimenti e 
interpretazioni alle strutture territoriali firmatarie, a soggetti di rappresentanza e ai cittadini, in 
merito ai contenuti delle ripartizioni.” Per il presidente dell’UNIAT, “così sarà utile rafforzare, 
valorizzare e incrementare l’attività della conciliazione paritetica nei contratti con un necessario 
coordinamento e integrazione con quanto previsto in materia di mediazione obbligatoria nel settore 
della locazione e del condominio”. 
 
Roma, 8 maggio 2014 
 
lucchettoarea riservata